“Battesimo in Puglia” vince il premio URBAN Photo Awards, il fotografo Favia: “Era lo scatto giusto al momento giusto”

“Battesimo in Puglia” vince il premio URBAN Photo Awards, il fotografo Favia: “Era lo scatto giusto al momento giusto”

19 Settembre 2020 0 Di Cristiana Lenoci

Le foto devono essere in grado di “catturare” le emozioni provate in un determinato momento della vita. Solo così diventano strumenti di comunicazione efficaci e catartici, paragonabili ad una tela o ad un oggetto forgiato dalla mente creativa e dalle sapienti mani di un artista.

In un’epoca come la nostra in cui l’esperienza della fotografia tende a diventare eccessivamente “democratica” a causa del massiccio utilizzo dello smartphone per immortalare qualsiasi evento della vita, lo scatto di Salvatore Favia, fotografo di Manfredonia (Fg) ci riporta all’essenza di uno scatto fotografico.

“Battesimo in Puglia”, la foto di Favia risultata tra le undici vincitrici del prestigioso premio URBAN Photo Awards, contest mondiale della fotografia, è priva di filtri, è come lo stesso autore ci tiene a sottolineare- “la foto giusta al momento giusto”.

L’immagine ritrae un momento intimo, privato, quello de Battesimo di un bimbo. Il rito, celebrato un anno fa a Foggia, prevedeva l’immersione del piccolo nel fonte battesimale. “ Io sono stato chiamato come fotografo della cerimonia. Involontariamente il parroco che celebrava il rito ha creato tutte le condizioni ottimali per favorire lo scatto che ha conquistato i giurati del contest: la giusta luce, l’angolazione, gli sguardi dei familiari che assistevano al momento dell’immersione”, ha raccontato Salvatore alla nostra redazione.

Sono fotografo nel settore wedding da molti anni, ormai. La fotografia è sempre stata la mia passione, fin da ragazzo”. In effetti, guardando le immagini presenti nella pagina del suo studio ci si rende conto subito del tocco professionale ed artistico che Salvatore riesce ad imprimere ai suoi scatti. Mai banali, mai scontati nelle pose o negli sguardi.

Cerco sempre di andare aldilà della semplice apparenza, del look, degli abiti, e di cogliere ciò che va oltre. La mia è una ricerca del particolare che, secondo alcuni, ha motivazioni psicologiche: ad esempio, mi hanno detto che-a causa della prematura scomparsa di mio padre- cerco negli abbracci delle persone, nel loro guardarsi e nei gesti di affetto, quello che mi manca di mio padre”.

Quando ci siamo complimentati con il suo scatto, lui ha risposto con grande umiltà: “Voglio che la notizia del mio premio giri non per farmi pubblicità, lavoro nel settore e sono abbastanza conosciuto, ma perché desidero che questa parte della Puglia, spesso bistrattata e sottovalutata rispetto alle sue potenzialità, venga considerata per la presenza di persone che, come me, le danno lustro e onore”.

La fotografia di Salvatore Favia lancia un messaggio forte, più chiaro soprattutto a chi attribuisce al Battesimo cristiano un ruolo di rinascita a nuova vita. Il bimbo, sorridente, sott’acqua, sembra davvero in una dimensione sublime. Tornato nel ventre materno per poi rinascere nella bellezza della vita che lo aspetta.

Certo, ognuno può dare la sua interpretazione personale allo scatto. Ma un dato è certo e oggettivo: quell’azzurro resta impresso a lungo negli occhi, come un invito a lasciare tutto ed immergerci nella purezza di cui quel bimbo è simbolo indiscusso.

La mia fotografia farà il giro del mondo”, aggiunge Salvatore. Come non essere orgogliosi di questo? La Puglia delle tradizioni immortalata per caso in questo scatto arriverà in tanti Paesi per essere ulteriormente apprezzata e lodata.

“Battesimo di Puglia” è tra le undici foto prescelte su oltre 10 mila pervenute al premio. La cerimonia di premiazione si terrà il 24 Ottobre prossimo, presso l’auditorium del Museo Revoltella di Trieste e nell’ambito del festival Trieste Photo Days.

Complimenti, Salvatore!

L’autore dello scatto “Battesimo di Puglia”, il manfredoniano Salvatore Favia