Escape Campus di Raffaele Misceo: da Londra a Bari una scuola di inglese moderna e innovativa

Escape Campus di Raffaele Misceo: da Londra a Bari una scuola di inglese moderna e innovativa

30 Ottobre 2019 0 Di Cristiana Lenoci
Il fondatore della scuola di inglese Escape Campus, Raffaele Misceo

Raffaele Misceo ha 33 anni ed è originario di Bari. Come tanti pugliesi, ad un certo punto della sua vita ha deciso di andare all’estero per crescere dal punto di vista personale e professionale. Ormai vive a Londra da otto anni, ma non ha mai rinunciato al sogno di investire nel suo paese d’origine, Bari. Appena ha trovato l’occasione giusta, lo ha fatto con grande entusiasmo e determinazione. Vi raccontiamo la sua bella storia.

R: Ciao Raffaele. Di cosa ti occupi nello specifico?

RM: Io sono il CEO di Escape Campus, una scuola di inglese ubicata nel centro di Londra. Una scuola da me fondata che, in un certo senso, “rivoluziona” l’apprendimento della lingua inglese attraverso un metodo innovativo e moderno che permette di acquisire in pochissimo tempo una conoscenza fluente di questa lingua straniera. Escape Campus si avvale di insegnanti molto esperti e qualificati, sono previsti corsi di livelli differenti, vi è la possibilità di frequentare lezioni personalizzate. Altro elemento importante è l’affiancamento di un Mentor Program a sostegno di ogni allievo, per verificare i progressi ottenuti e chiarire eventuali dubbi che sorgono durante il percorso di apprendimento.

R: Sei riuscito a tornare a Bari, tua città di origine, per aprire una sede della scuola di inglese ormai ben avviata a Londra?

RM: Sì, l’obiettivo di Escape Campus è di replicare il modello di business in tutte le principali città del mondo. Mi sono chiesto ad un certo punto: perché non cominciare dalla mia città?

R. Qual è il tuo legame con la Puglia?

RM: Sono nato in Puglia, è un posto magico. Come ogni pugliese ho un forte legame con la mia terra. Infatti la decisione di aprire un Campus di lingua inglese a Bari non è stata razionale, ma legata piuttosto alle mie origini e alla voglia di investire sul mio territorio.

R: Conoscere la lingua inglese oggi è di fondamentale importanza. Cosa consiglieresti ad un ragazzo che vuole fare esperienza fuori dall’Italia?

RM: Sin dall’infanzia mi è sempre piaciuto viaggiare. Da piccolissimo saltavo la scuola, mi mettevo su un treno ed esploravo la Puglia, fino a quando a 16 anni non ho fatto il mio primo viaggio all’estero in Spagna. Da qual momento non mi sono più fermato. Penso che viaggiare sia fondamentale per migliorarsi. Ogni viaggio che ho fatto mi ha lasciato con un grande bagaglio culturale ed esperienziale. L’inglese è importantissimo, ma se non lo si conosce non bisogna scoraggiarsi né considerarlo un ostacolo.

R: Quali difficoltà hai incontrato nel vivere a Londra, un luogo così diverso da Bari?

RM: Sono arrivato a Londra nel 2012, senza soldi e senza conoscere l’inglese. All’inizio la più grande difficoltà è stata la casa. Non avendo possibilità economiche, ho diviso la casa con 12 persone ed un solo bagno. Non conoscere la lingua inglese è stata un’altra grossa difficoltà, che rendeva complicato tutto, anche comprare qualcosa in un negozio. Ad ogni modo, devo dire che Londra è una città molto accogliente, c’è senso civico e rispetto delle regole. Anche se non parli l’inglese le persone sono disposte ad aiutarti (soprattutto quelle che si sono trovate prime nella medesima situazione)!

R: Quali sono le cose più importanti che stai imparando nella tua vita londinese?

RM: Esiste un grande rispetto per le regole e per tutte le persone, senza alcuna distinzione di sesso, religione, etnia, ecc. Io attualmente vivo a Londra e, avendo aperto la succursale del Campus a Bari, faccio Londra/ Bari andata e ritorno per due volte al mese.

R: Quante persone lavorano presso le scuole di Londra e Bari da te attivate?

RM: A Londra sono impiegate cento persone, mentre a Bari lavorano nel Campus quindici persone.

Da Oxford Street a Piazza Umberto I a Bari, la scuola di inglese fondata da Raffaele è un successo imprenditoriale che premia il coraggio e la voglia di mettersi in gioco. A lui, pugliese dinamico e orgoglioso della sua terra, rivolgiamo un sincero in bocca al lupo per il futuro!

Annunci