Ad Altamura (Ba) tutti pronti a festeggiare le “nozze” tra Pane e lenticchia

Come succede a tante località pugliesi, che sono rinomate per le specialità gastronomiche e prodotti tipici, anche Altamura, una cittadina situata nell’altopiano delle Murge, a pochi chilometri da Bari, è nota ai più per essere la “patria” del Pane e della Lenticchia. Quest’ultima da due anni è indicazione geografica protetta (IGP) ed è diffusissima in tutto il mercato nazionale (e non solo). Fino ad oggi, però, non è mai stato organizzato un evento o sagra che celebrasse questi due prodotti tipici altamurani così famosi in Italia e nel mondo. Quest’anno, perciò, si è pensato ad un “matrimonio” tra pane e lenticchia, creando una grande sagra unica che li comprendesse entrambi.

Evento Sagra ad Altamura: tre giorni dedicati a Pane e Lenticchia

Da giovedì 12 a Domenica 15 Settembre, presso il Monastero del Soccorso in Piazza Resistenza ad Altamura sarà realizzato l’evento “Insieme c’è più gusto”, a cura dei rispettivi Consorzi di tutela e valorizzazione. Sarà una “tre giorni” ricca di degustazioni, mostre, convegni e spettacoli interamente dedicati alla filiera, alla salute e all’alimentazione sana. Il pane Dop, considerato a tutti gli effetti il “re della città”, sarà quindi affiancato dalla naturale “regina”: la lenticchia. Si tratta di “biglietti da visita” importanti per la città di Altamura, ed infatti non vi è turista o visitatore che prima di andare via non faccia una bella scorta di questi prodotti 100% made in Puglia.

Da poco tempo la lenticchia è tornata in auge: dopo decenni di oblio, è stata rimessa a dimora e anno dopo anno le estensioni di questo legume sono notevolmente cresciute, tanto che oggi l’areale produttivo della “Lenticchia di Altamura Igp” comprende 19 Comuni della Puglia e della Basilicata.

Ricetta Pane di Altamura

Chiunque si sia cimentato nella preparazione del pane, si è reso conto è un’operazione complessa che richiede attenzione ed impegno. Ecco perché succede spesso che i principianti in cucina lascino perdere ancora prima di iniziare, oppure restano delusi dai risultati. Oggi vogliamo però proporre una ricetta che sia il più possibile semplice e quindi realizzabile anche dai dilettanti in cucina. Si tratta della ricetta del pane di Altamura, uno dei più conosciuti e apprezzati al mondo per il suo sapore davvero particolare. Questo pane tipico pugliese si caratterizza per l’impasto di semola di grano duro rimacinata e per la tradizionale cottura del forno a legna.

Gli ingredienti per il pane di Altamura

600 grammi di semola di grano duro rimacinata (definita semplicemente farina di grano duro)

12 grammi di lievito di birra

400 ml di acqua

15 grammi di sale fino

Preparazione del pane di Altamura

Cominciate con lo sciogliere il lievito in un paio di cucchiai di acqua tiepida, poi procedete impastando il lievito insieme alla farina. Fate riposare l’impasto ottenuto per circa mezz’ora, in modo che possa gonfiarsi quanto basta. Dopo aver sistemato la farina su una spianatoia, abbiate l’accortezza di realizzare il tradizionale “vulcano” oppure la “fontana” al cui centro aggiungerete il lievito e, gradualmente, anche l’acqua. Procedete quindi con l’impasto, accertandovi che il lievito si sia ben amalgamato e aggiungendovi del sale. E’ necessario procedere con l’impasto per un’altra mezz’oretta.

A questo punto, lasciate lievitare l’impasto per tre ore circa. Poi riprendete ad impastare piuttosto velocemente, in modo da interrompere il processo di lievitazione, fate poi riposare il tutto per una decina di minuti. Non dovreste avere alcuna difficoltà nello stendere l’impasto così lavorato.

Date alla pagnotta una forma rettangolare, e dopo averla arrotolata su se stessa, sistematela in una teglia o recipiente metallico con carta da forno e un po’ di farina (per non farla attaccare). Effettuate alcuni tagli diagonali sulla pasta, poi distribuiteci sopra un bel po’ di farina, fate riposare l’impasto per altri 30 minuti nel recipiente.

Siete arrivati alla fase finale della ricetta: non vi resta che infornare l’impasto, per circa 30/40 minuti, nel forno (può andare bene anche quello elettrico), alla temperatura di 220°. Quando sarà cotta, avvolgete la pagnotta in un paio di canovacci di cotone e lasciatela ben raffreddare.

Ricetta con Lenticchie di Altamura

Abbiamo dato una sbirciatina al sito ufficiale del Consorzio Lenticchia di Altamura IGP: ci sono tantissime ricette gustose e originali da realizzare utilizzando le buonissime lenticchie di Altamura, che rappresentano un vanto per l’intera Regione. Tra le ricette presenti ve ne proponiamo una in particolare, ottima per chi desidera esaltare il sapore di questo legume con un po’ di gusto piccante.

Farro, Lenticchia di Altamura I.G.P. e ‘nduja

Ingredienti:

Farro 400 g

Lenticchia di Altamura I.G.P. 500 g

‘Nduja 150 g

Zenzero fresco 50 g

Sedano 1 gambo

Carota 1

Cipolla 1

Aglio 1 spicchio

Alloro 2 foglie

Olio evo, sale, pepe Q.B.

Procedimento:

Cuocere le lenticchie in maniera tradizionale. Lavare il farro e qualora non fosse perlato lasciarlo a bagno per 20 minuti. Cuocere il farro in abbondante acqua salata per circa 25/30 minuti. A cottura ultimata scolarlo e impiattarlo adagiandovi sopra le lenticchie e la ‘nduja a tocchetti. A parte, grattugiare lo zenzero fresco e aromatizzare 2 ml di olio con cui condire e completare il piatto.

LO CHEF CONSIGLIA

Chi non ama il piccante può sostituire la ‘nduja con del tofu e allo stesso modo è possibile sostituire il farro con del riso, se lo preferite.

Per altre ricette a base di lenticchie consultate il sito www.lenticchiadialtamura.it

Pagina Facebook Lenticchia di Altamura IGP

Pagina Facebook Pane Altamura DOP

Annunci
Leave a comment

Leave a Reply