Castelnuovo della Daunia: il borgo fiabesco di Puglia

Castelnuovo della Daunia: il borgo fiabesco di Puglia

16 Novembre 2019 0 Di Cristiana Lenoci

Il viaggiatore che arriva a Castelnuovo della Daunia resta piacevolmente colpito da questo paesino dai caratteristici tetti appuntiti che si aggrovigliano attorno al campanile della Chiesa Matrice. Castelnuovo fa parte di quella “costellazione” di piccoli paesi che puntellano la Valle del Fortore, ognuno arroccato sulla sua collinetta, e si caratterizza per la ricchezza di sorgenti di acque sulfuree e dalle proprietà benefiche, grazie alle quali è sorto un importante centro termale, dotato anche di impianti sportivi ed una capiente sala convegni.

Le origini del borgo

Castelnuovo, anticamente detto “Castrum Sclavorum” perché fondato da gente che proveniva dalla provincia illirica della Schiavonia, presenta un abitato ristretto per estensione e popolazione, che tuttavia racchiude belle rappresentazioni sia artistiche che architettoniche. Gli abitanti di questo borgo sono circa 1.800.

Cosa vedere

Come molti borghi pugliesi, anche Castelnuovo della Daunia è ricca di chiese di rilevanza storica e architettonica. I visitatori possono ammirare la Chiesa di Santa Maria Maddalena e Convento dei Frati Minori, un edifico che risale al XVI secolo. Di questa chiesa colpisce in particolare il portale romanico scolpito in pietra, recuperato dal convento di San Matteo in Scurgola. All’interno sono custodite splendide tele del ‘600 e del ‘700, un organo del 1703, e la pregiata statua lignea che raffigura l’Immacolata Concezione, del 1763. C’è anche il chiostro cinquecentesco che è molto bello da visitare.

Altro gioiello da ammirare in questo paesino è il Palazzo Romano, l’edificio al cui interno si trova il Museo Ecclesiastico, una biblioteca e il Museo della civiltà contadina. Volgendo le spalle alla Chiesa Madre si può scorgere l’edificio Municipale, sorto sui resti di una antico castello. Altre chiese interessanti a Castelnuovo della Daunia sono: la Chiesa di San Nicola (di origine incerta e di architettura orientale), la Chiesa Matrice Maria SS.della Murgia (costruita sul finire del XII secolo) e la Chiesa di Maria SS. Incoronata, eretta nel 1703.

Centro termale

Grazie alle proprietà terapeutiche delle sorgenti di acquee sulfuree, è sorto un moderno e importante centro termale. La struttura si avvale di impianti per l’inalazione, le cure idroponiche, i fanghi, beauty farm e una piscina.

Cosa visitare nei dintorni

In contrada Molino a Vento, per chi desidera ritagliarsi qualche momento a contatto con la natura, c’è una pineta fresca e verdissima, con aree attrezzate per fare pic-nic. E’ denominata Pineta La Cappellina.

A Dragonara, un paese bizantino al confine con il Molise, attualmente resta solo il castello, che è stato trasformato e rimaneggiato nel corso dei secoli più volte fino a diventare masseria. L’edificio presenta una base rettangolare, un cortile interno, due torri cilindriche e due quadrate. Al lato, spicca il rudere di una torre circolare.

Appuntamenti

Agosto è un mese ricco di eventi: c’è infatti la Sagra del pane e pomodoro, la Sagra dei fritti e la seconda domenica di agosto si svolge la Sagra delle Zanchette. A dicembre, inoltre, vi è il Presepe Vivente che anima le vie del centro storico, allestito di solito la domenica a cavallo tra Natale e Capodanno.

 

Info e contatti: www.comune.castelnuovodelladaunia.fg.it

Pro Loco: Via Garibaldi n. 2

Terme di Castelnuovo della Daunia: www.termedicastelnuovo.it

Annunci