Cocktail in Puglia: come è cambiato il bartender pugliese

Cocktail in Puglia: come è cambiato il bartender pugliese

5 Luglio 2019 0 Di Cristiana Lenoci

Realizzare cocktail oggi significa ricercare gusti raffinati, trovare aromi che emozionano, appagare l’olfatto con abbinamenti originali. Non è un caso che, secondo una recente ricerca sull’argomento, i migliori bartender italiani arrivano proprio dalla Puglia, una terra i cui sapori e odori si mixano da sempre creando risultati eccezionali.

Con il “drink” non si scherza, al bando i cocktail e le bevande approssimate e poco ricercate. E’ finito il tempo in cui, per ottenere un discreto mojito, bastava schiacciare qualche foglia di menta e aggiungervi del rum. Oggi gli appassionati (ma non solo) chiedono di più, e sono disposti a girare parecchio per trovare il locale “giusto” in cui assaporare cocktail originali e dal gusto spiccato.

Il bartending pugliese negli ultimi anni ha conosciuto una fortissima impennata: quella del barman è vista dai più giovani come una professione remunerativa e gratificante. Dal punto di vista economico, infatti, i risultati arrivano (ed anche abbastanza presto), se ci si impegna ad offrire prodotti con materie prime di qualità. Oggi anche le donne partecipano ai numerosi corsi di formazione professionale per barman, ed è sempre più facile trovarne una, sorridente e competente, che serve da bere dietro al bancone di un locale.

La “cultura del cocktail” non appartiene più ad una ristretta cerchia di appassionati: oggi l’offerta in questo settore è assai variegata e non può prescindere da un elemento: la qualità degli ingredienti. Vanno particolarmente di moda, anche in Puglia, i locali piccoli (alcuni in riva al mare, poi, sono il top in estate), che diventano luoghi di incontro e aggregazione, in cui bere il cocktail diventa l’occasione per stare in compagnia di amici.

Oggi il consumatore di cocktail, anche se giovane, è più esigente del passato, cerca nuovi sapori e vuole sperimentare nuove miscelazioni e accostamenti. Un esperto bartender farà assaggiare, ai suoi clienti, sia le bevande più “classiche”, che quelle più innovative e di tendenza (da quello aromatizzato al bergamotto, a quello al timo oppure anche al tartufo dell’Alta Murgia).

La Puglia è un territorio che offre spunti davvero interessanti ad un giovane e intraprendente bartender: ci sono ingredienti tipici (come ad esempio i vini locali) che possono ispirare la realizzazione di cocktail gustosi e dal sapore indimenticabile. Ad esempio, avete mai pensato di miscelare sapientemente il vino di Manduria con erbe aromatiche che crescono spontanee nei campi come l’alloro e il rosmarino?