L’Ultimo Paradiso: Riccardo Scamarcio contadino e ribelle su Netflix

L’Ultimo Paradiso: Riccardo Scamarcio contadino e ribelle su Netflix

3 Febbraio 2021 0 Di Cristiana Lenoci

Al Sud c’è chi resta e chi è andato via, ma non può fare a meno di tornare, io ho mantenuto un legame forte con la mia infanzia”, ha dichiarato di recente l’attore Riccardo Scamarcio in un’intervista.

Del film “L’Ultimo Paradiso”, che sarà trasmesso dal 5 Febbraio prossimo su Netflix, Scamarcio non è solo il protagonista, ma anche co-sceneggiatore e produttore.

La pellicola, nella quale l’attore andriese ha detto di aver trovato le sue radici (essendo nato in Puglia, ad Andria, n.d.r.) è ambientata alla fine degli anni Cinquanta. E’ una storia che parla di amore e lotta di classe, un contrasto che a quei tempi era assai sentito.

Scamarcio interpreta un contadino sposato e con un figlio di sette anni, ma innamorato della figlia di un terribile proprietario terriero (il classico padre padrone). Lui sogna di poter lasciare la Puglia con la sua amata e raggiungere Parigi.

Nell’intervista rilasciata al Corriere, Scamarcio accenna alla sua recente paternità. «Sono da poco diventato padre, avere un figlio è un amore ancestrale, qualcosa che va al di là di te», ha rivelato.

«L’amore filiale, da noi, si porta in modo fisico, ai bambini si mettono le mani sul volto, ci si parla in dialetto, si crea una lingua speciale con cui si supera il pudore tra padre e figlio, è qualcosa che conosco, ci sono cresciuto anche se mio padre non era estremamente affettuoso».

L’attore, un tempo paparazzato e inseguito da ragazzine urlanti, si gode la maturità sia personale che professionale. «Ormai sono âgé, sono certo che le ragazzine di oggi troveranno altri idoli», ha detto.

Da dieci anni Scamarcio si dedica alla produzione cinematografica. E a proposito delle sale chiuse a causa della pandemia, ha detto: “Quando la pandemia finirà, le sale si riempiranno”.

Ne siamo sicuri anche noi. Intanto godiamoci questo bel film dove anche la Puglia è tra i protagonisti.