Nonno Libero potrebbe avere un tetto sulla testa.

Nonno Libero potrebbe avere un tetto sulla testa.

19 Febbraio 2019 0 Di Vincenzo Barnabà

Nonno Libero, l’anziano clochard che da oltre vent’anni vive per le strade di Foggia, potrebbe avere un tetto sulla testa già nei prossimi giorni.  

 Amato e conosciuto da tutti i residenti del posto, il barbone più longevo del capoluogo, dopo l’ennesimo ricovero in ospedale, potrebbe aver trovato sistemazione in una Casa di riposo in un paese della provincia di Foggia ma come nelle fiabe della Disney, ecco che prima di vedere avverati i desideri del protagonista, bisogna superare degli ostacoli; quest’ultimo sembrerebbe dato proprio dall’ostacolo “identità” che neanche le impronte digitali hanno saputo riconoscere. Se pur senza nome e senza dati anagrafici, Leo Ricciuto (presidente de I Fratelli della Stazione) afferma:” La Soluzione potrebbe arrivare dalla residenza fittizia che il Comune di Foggia riconosce ai senza fissa dimora. Pensiamo si possa, con l’intervento di un giudice tutelare, dare un nome fittizio a nonno Libero per eseguire il ricovero in una struttura che lo tolga dalla strada una volta per tutte”.

In merito, lo stesso Ricciuto racconta:<< Dalle cose che si capisce che ha avuto una vita intensa, con un ruolo anche importante. Un giorno che faceva più freddo del solito e lo raggiunsi per strada, alla mia domanda su come facesse a stare fuori con quel clima gelido, mi rispose “lo ignoro”>>

Si attende, quindi, l’intervento di un giudice tutelare per dare un nome fittizio al famoso clochard per concretizzare la sua permanenza in una struttura dove possa avere il massimo del decoro dopo anni passati per le strade di Foggia.

Per il momento medici e concittadini, incrociano le dita per la nuova Mascotte di Foggia.

Annunci