Bari: 50enne recupera Gratta & Vinci fortunati nei cestini dei rifiuti

Bari: 50enne recupera Gratta & Vinci fortunati nei cestini dei rifiuti

1 Febbraio 2020 0 Di Cristiana Lenoci

I giocatori incalliti che tentano la fortuna ogni giorno con i tagliandi del “Gratta & Vinci” sono in aumento, anche in Puglia. Per alcuni però si tratta di una forma di ludopatia, visto che ne acquistano così tanti da non avere la lucidità di guardarli con attenzione. Capita così che alcuni giocatori particolarmente distratti non si accorgano di aver vinto uno degli importi riportati sul biglietto e buttano via ignari il Gratta & Vinci fortunato.

Proprio grazie alla distrazione di un giocatore, lo scorso Aprile un pescatore di Mola di Bari ha ritrovato nel cestino della spazzatura un biglietto fortunato del valore di 100 mila euro.

A Bari c’è anche chi, sulla disattenzione altrui, ha costruito una “professione”. Ogni giorno un uomo sulla cinquantina gira per tutta la città con la sua bicicletta, fermandosi a rovistare nei cestini e pattumiere che si trovano in prossimità di bar e tabaccherie (i luoghi dove appunto si acquistano di solito i Gratta & Vinci). L’obiettivo è di trovare qualche ticket già grattato che contenga una vincita di cui il possessore non si sia accorto.

Oltre a persone disattente o a giocatori in preda al delirio di grattare che inevitabilmente perdono la lucidità necessaria a controllare un’eventuale vincita, vi è anche chi non conosce bene le regole del gioco, oppure non è a conoscenza dell’esistenza dei numeri “Jolly”.

Ci sono anche persone che acquistano un biglietto mentre parlano al telefono o bevono il caffè in un centro commerciale affollato, quindi sono particolarmente distratte o non avvezze al multitasking. Tra gli acquirenti abituali di biglietti “Gratta & Vinci” vi sono soprattutto anziani, e molti di loro non ci vedono bene, tanto è vero che chiedono ai gestori delle tabaccherie di rivedere i biglietti passandoli nella macchina che li verifica.

Una volta recuperato il tagliando vincente nel cestino dei rifiuti, il cercatore di fortuna barese va a riscuotere la somma in ricevitoria. A Bari lo conoscono tutti, anche se è un tipo che non ama parlare molto e nessuno conosce la sua identità. Preferisce infatti coprire quasi tutto il volto con una felpa.

Qualcuno è riuscito ad avvicinare il cercatore di fortuna che ogni giorno gira in bicicletta per il capoluogo pugliese, e ci ha scambiato qualche parola. “Un po’ di tempo fa riuscivo a portare a casa un centinaio di euro al giorno, oggi invece le persone sono diventate più attente quando giocano e controllano con maggiore attenzione i biglietti grattati prima di buttarli definitivamente”, dichiara il 50enne.

La media giornaliera che questo signore riesce a portare a casa è di circa 20 euro. Ovviamente ci sono poi le giornate più fortunate, ma lui non si arrende mai, e con il sorriso riprende a cercare anche quando per giorni non si vede alcuna vincita all’orizzonte.

A molti lui non sta per niente simpatico, tanto che preferiscono strappare il biglietto dopo averlo grattato pur di non dargli la soddisfazione.

Invece una signora anziana con un biglietto in mano lo vede aggirarsi nei dintorni della tabaccheria e sorride: “Io non ci trovo niente di male in quello che fa questo signore. Io sarei contenta se qualcun altro riscuotesse un biglietto che io, per distrazione, non ho saputo riconoscere come vincente”, dice. Tra i giocatori abituali c’è anche molta “sportività” e una vena di saggezza che fa sorridere.

Lui, il cercatore di biglietti, si rimette in sella e termina il suo “lavoro” quando comincia ad imbrunire. Domani la fortuna potrebbe tornare a cercare proprio lui e deve essere pronto a coglierla al volo.

 

Annunci