Buoni spesa per ristoranti e bar chiusi per Coronavirus: “Pagate ora, consumate dopo l’emergenza”

Buoni spesa per ristoranti e bar chiusi per Coronavirus: “Pagate ora, consumate dopo l’emergenza”

30 Marzo 2020 0 Di Cristiana Lenoci

Ci piace mettere in evidenza le belle iniziative di solidarietà che nascono in questo periodo di emergenza per Coronavirus. Quella di cui vi parliamo oggi arriva da Biccari, un paese della provincia di Foggia, situato nei Monti Dauni, e si chiama “Perdopo”. Si tratta di un “buono spesa” ideato dal giovane Sindaco Gianfilippo Mignogna e rivolto agli esercenti della piccola comunità  che gestiscono bar, ristoranti e pizzerie e che, a causa dell’emergenza, sono costretti a rimanere con le saracinesche abbassate.

E’ proprio il primo cittadino ad illustrare l’iniziativa sul sito della Cooperativa di Comunità di Biccari. Con un bonifico o versamento Paypal ogni utente può scegliere il locale preferito tra quelli aderenti ed acquistare, a piacimento, dei buoni spesa  di importo pari a 10, 20 o 50 euro per consumazioni da effettuare quando l’emergenza sarà definitivamente passata.

Paga ora, consuma quando tutto sarà finito” è il motto di questa iniziativa solidale tra esercenti, che può rappresentare una boccata d’ossigeno per chi, in questo momento particolare, è impossibilitato a svolgere la sua attività.

Il Sindaco di Biccari invita i concittadini ad aderire con entusiasmo all’iniziativa, e lo fa con le parole più giuste: “Compriamo adesso la colazione che faremo insieme; l’aperitivo con gli amici; i caffè che offriremo;  la pizza o la cena di famiglia che torneremo a fare quando tutto sarà finito“.

 

 

 

Annunci