La Puglia ed il primato del “Benessere climatico”

La Puglia ed il primato del “Benessere climatico”

27 Marzo 2019 0 Di Cristiana Lenoci

Il benessere di un luogo e dei suoi abitanti può essere “misurato” attraverso parametri diversi. Oltre alla generica “qualità della vita”, c’è un ulteriore elemento specifico da considerare nella valutazione complessiva: il clima. Non è un caso che i Paesi del Nord Europa (come Svezia, Danimarca, Finlandia), per quanto siano indubbiamente all’avanguardia sotto vari aspetti (non da ultimo il rispetto per l’ambiente e una minore incidenza dell’inquinamento sul territorio), sono anche quelli in cui si rileva un alto tasso di suicidi e casi di depressione, soprattutto tra i più giovani.

In questi Paesi il clima è per lo più freddo e rigido, il sole si vede pochissimo durante l’anno, e l’estate è pressoché inesistente. Gli scienziati ritengono che vi sia un nesso tra l’esposizione solare e il benessere psico-fisico delle persone. Trascorrere qualche ora al giorno godendo del sole e dell’aria (magari in un luogo piacevole come la campagna o la spiaggia) è un toccasana per la salute dell’organismo, ed anche per l’umore.

Per questo, la classifica stilata dal Sole 24 Ore in cui ben quattro città pugliesi si trovano nella top ten delle regine del “benessere climatico” non ci ha stupito, ma arriva a conferma di qualcosa che già sapevamo. La classifica ha analizzato il fenomeno meteorologico tenendo conto delle ondate di calore, delle ore di sole, della percentuale di umidità, della presenza di brezza nei giorni estivi, delle piogge e dei giorni freddi.

Dietro Imperia, Catania e Pescara, nella top ten appaiono Bari, Barletta, Andria e Trani. Penalizzata invece la città di Foggia, che sorge in pianura ed è lontana dal mare. Oltre a trovarsi negli ultimi posti della classifica che tiene conto della “qualità di vita”, Foggia sta messa maluccio anche per il clima, in quanto è ubicata in pianura ed è lontana dal mare.