Mesagne (Br) è tra le dieci città finaliste selezionate per il titolo di “Capitale Italiana della Cultura 2024”

Mesagne (Br) è tra le dieci città finaliste selezionate per il titolo di “Capitale Italiana della Cultura 2024”

8 Febbraio 2022 0 Di Cristiana Lenoci

Umana Meraviglia” è il titolo del progetto presentato per la candidatura di Mesagne, ridente località in provincia di Brindisi. Tutta la Puglia fa il tifo per questa località situata lungo l’antica Via Appia, che nell’epoca romana collegava Roma a Brindisi.

Il motto di Mesagne, unica città pugliese candidata per il prestigioso riconoscimento di Capitale italiana della Cultura 2024,  è “l’unione fa la forza”. A spiegare perché è il primo cittadino.

Questo è un lavoro fatto in sinergia con il territorio non solo di Mesagne, ma con tutti i comuni della provincia, e non solo, che ci hanno sostenuto. Abbiamo fatto moltissimi incontri, coinvolto associazioni e istituzioni scolastiche. L’idea è che la cultura non sia un prodotto da somministrare, ma un percorso da costruire che abbia a che fare con la mente dell’uomo e con la natura“, ha dichiarato il Sindaco Toni Matarrelli.

Il 3 e 4 Marzo 2022 le città selezionate saranno ascoltate in videoconferenza dalla Giuria presieduta da Silvia Calandrelli, che dovrà poi indicare al Ministro Dario Franceschini la candidatura ritenuta più idonea. La videoconferenza avrà la durata massima di un’ora per ogni candidata, nello specifico mezz’ora per la presentazione e l’altra per le domande.

La città vincitrice, grazie al contributo statale di un milione di euro, potrà mettere in mostra, per un anno, la propria identità e le attività che intende maggiormente sviluppare.

Alla scoperta di Mesagne, culla della civiltà messapica

A poca distanza dalle rinomate località turistiche di Alberobello, Gallipoli e Ostuni, troviamo Mesagne, una cittadina che custodisce numerose testimonianze dell’antica civiltà dei Messapi, che hanno abitato in questo territorio nel VI-III secolo a.C. I monumenti architettonici presenti a Mesagne sono le tracce ancora evidenti degli insediamenti messapici, normanni e saraceni che si sono avvicendati nel tempo.

Denominata “la città dal cuore antico” perché il centro storico della cittadina è a forma di cuore, Mesagne colpisce subito per l’eleganza architettonica e l’accoglienza innata degli abitanti nei confronti dei visitatori. Le bellezze monumentali e artistiche della città sono state scelte da importanti registi per la location e la scenografia di numerosi film di successo.

Il cuore del borgo pugliese di Mesagne è rappresentato dal tipico Castello normanno, al cui interno si trova il Museo Archeologico. Adiacente al Castello, che è tenuto in perfette condizioni, c’è Piazza Orsini del Balzo, in cui si tiene la maggior parte degli eventi culturali durante i mesi estivi.

Non lontano da tale edificio, sorge l’antica e piccola Chiesa di Sant’Anna, in stile barocco. All’interno del centro storico ci sono altre chiese, come la Chiesa Matrice (che risale al 1650 circa) e si affaccia su piazza IV Novembre. Meritano una visita anche la Chiesa di San Leonardo e quella dei Santi Medici Cosimo e Damiano.

Sulla piazza IX Novembre si affaccia l’Orologio Municipale, che da tempo immemorabile scandisce le ore della giornata. In questo spazio cittadino si tiene il mercato settimanale del lunedì.

Nelle strette e caratteristiche viuzze del centro storico si può visitare un interessante Frantoio Ipogeo, le due porte di accesso al paese (Porta Grande e Porta Nuova), e l’antico Teatro Comunale.

Mesagne è un paese pugliese ricco di storia e tradizioni. La festa più importante della città si tiene nei giorni 15-17 Luglio, con la ricorrenza religiosa della Madonna del Carmine. Ogni terza domenica di Novembre, invece, si tiene la Fiera del Cappotto.

Gli amanti della Natura e delle passeggiate all’aria aperta possono divertirsi parecchio, visto che nei pressi di Mesagne sorge l’oasi protetta WWF di Torre Guaceto.

La cucina mesagnese è molto apprezzata dai turisti. Non dimenticatevi di assaggiare le polpette fritte, le braciole di carne e le orecchiette al sugo fatte in casa.