Cambia sesso e diventa psicologa: da Taranto la storia di Nadia

Cambia sesso e diventa psicologa: da Taranto la storia di Nadia

22 Febbraio 2019 0 Di Cristiana Lenoci

Nella vita si può ricominciare mille volte e in mille modi diversi. La vicenda di Nadia Durante, originaria di Taranto, ne è la dimostrazione.

Un’infanzia tormentata ed un’adolescenza piena di sofferenza ed incomprensione. Nadia è una bambina che fin da piccola non si riconosce nel suo corpo maschile. Per superare blocchi e sofferenza si affida alla psicologia. Oggi lei stessa è diventata psicologa, ed  aiuta gli altri a sciogliere i grovigli di sentimenti ed emozioni che attanagliano chi si trova in situazioni di difficoltà come quella che lei ha personalmente vissuto (e superato). Nadia Durante svolge tirocinio presso la Asl di Crispiano, in provincia di Taranto, nel Centro di Salute Mentale.

Nadia si racconta con grande coraggio e senza alcuna reticenza: “All’età di sedici anni, a causa di squilibri ormonali mi è cresciuto il seno”. Dopo l’intervento, comincia un periodo di transizione, durante il quale intraprende l’università a Lecce.

Nella fase di androginia Nadia era additata e sbeffeggiata per strada, e insieme al suo compagno non riescono a trovare un appartamento in affitto. “Nessuno voleva due inquilini come noi”, dice. E anche sul lavoro, i pregiudizi sono tanti e duri da morire. “Una volta, in un pub, per fare la cameriera, mi hanno risposto che cercavano una donna a tutti gli effetti”, racconta Nadia.

Convinta di aver preso la decisione migliore per se stessa, Nadia comincia il percorso che la condurrà al definitivo cambio di sesso. In famiglia ci sono stati problemi, soprattutto all’inizio, poi tutti hanno accettato. “Erano solo preoccupati di quello che poteva accadermi, soprattutto mio padre e mio fratello”. Il grande passo arriva: Nadia si sottopone ad un intervento chirurgico a Trieste.

Oggi è una donna finalmente soddisfatta e impegnata a fondo nel suo lavoro di psicologa. Inoltre, Nadia è inserita nel mondo del volontariato e dell’associazionismo, svolgendo attività di supporto e aiuto psicologico per chi, come lei, sta cominciando un percorso verso il cambiamento.

La situazione in Puglia

Dal 1982 è possibile sottoporsi ad intervento chirurgico di cambio sesso in maniera del tutto gratuita, poiché rientra nelle prestazioni assicurate dal Servizio Sanitario Nazionale. Non è così, invece, per le cure ormonali. In Puglia, ad esempio, questo tipo di cura è a pagamento, mentre in altre Regioni è gratis (vedi Emilia-Romagna o Toscana). La stessa Nadia lo evidenzia: “Non è possibile che in Puglia, una regione all’avanguardia su tanti fronti, tali cure risultino così gravose. Mi batterò per questo”.