Amarene sciroppate: ricetta pugliese da realizzare in casa

Amarene sciroppate: ricetta pugliese da realizzare in casa

20 Maggio 2020 0 Di Cristiana Lenoci

Anche se l’amarena (prunus ceranus) si presenta simile al frutto della ciliegia, in realtà è diversa sia per le proprietà che per il gusto, che è leggermente agro-dolce. Oggi vogliamo proporvi le amarene sciroppate, una ricetta molto antica che le nostre nonne conoscevano bene, e che non è riconducibile solo alla Puglia, ma anche in altre zone del Sud Italia (come il Cilento).

Caratteristiche e proprietà dell’amarena

L’amarena è un frutto ricco di proprietà benefiche: oltre a regolarizzare l’attività dell’apparato cardio-circolatorio, svolge una spiccata azione sedativa sul sistema nervoso, favorendo il sonno e migliorando l’umore in generale. Come nelle ciliegie, anche nelle amarene sono presenti le pectine, sostanze che aiutano a liberare l’organismo da tossine e scorie che si accumulano nel tempo, provocando dolori muscolari ed un senso generale di affaticamento.

Nelle amarene sono presenti altre sostanze antiossidanti indispensabili per la salute dell’organismo: i bioflavonoidi e gli antociani, che sono in grado di contrastare l’invecchiamento cellulare e quindi assicurare una pelle sana e luminosa.

I frutti delle amarene contengono vitamine dei gruppi B e C e altri preziosi sali minerali come zinco, potassio, calcio e ferro, che tengono lontane le infiammazioni sul sistema circolatorio e reni.

L’amarena è abbastanza rinomata per le proprietà diuretiche ed è anche un efficace rimedio per curare la stipsi. Svolge anche un’azione sedativa sulle vie urinarie in caso di infiammazione o disturbi di altro tipo.

Ricetta Amarene Sciroppate

La ricetta che vi proponiamo è semplicissima da realizzare ed è una delle più antiche nella tradizione regionale del Sud Italia. In Puglia, dove questi frutti vengono coltivati in molte zone, le amarene sciroppate erano tra le ricette più amate dalle nostre nonne.

Ingredienti: 1 kg di amarene; 700 gr di zucchero (anche di canna, se preferite); un po’ di alcol per liquori.

Procedimento: dopo aver eliminato piccioli e foglie, lavate e pesate le amarene. Per ogni chilo di frutta aggiungete 700 gr di zucchero. Poi procedete a togliere i noccioli dal centro e mettete tutto in un recipiente coperto da un velo, da esporre al sole.

Abbiate l’accortezza di riporre il recipiente fuori al mattino e di ritirarlo dentro all’imbrunire, mescolando ogni tanto il contenuto. Quando lo zucchero si sarà sciolto completamente (nel giro di circa 10 giorni), le amarene saranno pronte.

Potete quindi sistemarle nei barattoli con un cucchiaio di alcol in superficie. Scegliete un luogo fresco e asciutto per conservarle.

Annunci