Matrimoni & Banchetti in Puglia, troppo spreco: l’iniziativa di “Avanzi Popolo”

Matrimoni & Banchetti in Puglia, troppo spreco: l’iniziativa di “Avanzi Popolo”

29 Novembre 2019 0 Di Cristiana Lenoci

Chi è invitato ad un matrimonio in Puglia o ad una ricorrenza qualsiasi sa già che il pranzo nuziale o il ricevimento avrà una durata che si aggira mediamente sulle cinque/sei ore. Tra portate a tavola e fotografie degli sposi un matrimonio pugliese porta via quasi un’intera giornata. E non sono da meno i banchetti che si organizzano per battesimi, prime comunioni, compleanni di 18 anni.

Oltre alla durata dei ricevimenti, ciò che balza agli occhi è lo spreco di cibo. Spesso i camerieri riportano indietro in cucina piatti non toccati con pietanze ancora intatte, che finiscono nella spazzatura.

Proprio con l’obiettivo di contrastare lo spreco alimentare purtroppo così tanto diffuso è nata la pregevole iniziativa di “Avanzi Popolo”, il collettivo pugliese che di recente si è aggiudicato il premio di Last Minute Market e Ministero dell’Ambiente.

In pochissimo tempo il gruppo guidato dai quattro ideatori del progetto ha raggiunto centinaia di persone raccogliendo avanzi di cibo e redistribuendoli ai bisognosi. Oltre che dai ristoranti e locali che organizzano matrimoni e banchetti, lo spreco alimentare arriva anche dalle nostre case. Secondo quanto riporta uno dei fautori di “Avanzi Popolo” , Antonio Scotti, ben il 43%  dello spreco proviene dalle abitazioni private.

Serve una maggiore consapevolezza ed un’inversione di rotta. Basterebbe, insomma, che ciascuno mettesse a disposizione di chi ha bisogno quei prodotti che altrimenti finirebbero nell’immondizia.

Sono tante le coppie di sposi che hanno aderito all’iniziativa di “Avanzi Popolo”, l’esempio virtuoso di foodsharing made in Puglia.

L’organizzazione è abbastanza lineare e semplice: dopo aver preso accordi con i volontari su location e orario in cui presentarsi, questi arrivano e portano via tutti gli avanzi che vengono imballati (ad esclusione di pesce e carne crudi, soggetti a deterioramento). Il cibo viene poi redistribuito dalle associazioni alle famiglie bisognose o presso le mense.

Avanzi Popolo pagina Facebook

 

Annunci