Pupurati pugliesi, dolci tipici che si preparano ad Ognissanti: ricetta tradizionale

Pupurati pugliesi, dolci tipici che si preparano ad Ognissanti: ricetta tradizionale

12 Ottobre 2020 0 Di Cristiana Lenoci

Nella zona del Gargano, ed in particolare a San Severo (Foggia) c’è l’abitudine di preparare, in occasione della Festa dedicata a Tutti i Santi, alcuni tipici dolci denominati “pupurati” (i pup’rat in dialetto foggiano).

Anche se la loro preparazione è legata al periodo di Ognissanti, è possibile trovarli nei forni o nelle pasticcerie anche in altri periodi dell’anno.

Gli ingredienti che si utilizzano per realizzare i pupurati sono semplici, facili da reperire e genuini. Questi dolci sono tipicamente autunnali perché sono fatti con il mosto cotto, che di solito in Puglia si produce in questo periodo particolare.

I Pupurati sono ottimi se serviti caldi e accompagnati da una tisana calda a merenda, oppure con il latte a colazione. Una volta raffreddati, si possono conservare in un contenitore di vetro chiuso ermeticamente e consumati entro una settimana circa (in modo che mantengano intatti consistenza e fragranza).

Ingredienti per realizzare i Pupurati

Questi dolci tipici pugliesi si caratterizzano per la loro semplicità. Gli ingredienti che servono per la loro preparazione si trovano facilmente in ogni casa: 2 uova, un chilo di farina tipo “00”, 2 bustine di lievito per dolci, 300 grammi di zucchero, 1 bicchiere di mosto cotto, 100 gr di cacao amaro, 100 gr di mandorle tritate finemente, 2 cucchiaini di cannella, 100 gr di olio extravergine di oliva, 1 bacca di vaniglia o una busta di vanillina, 1 cucchiaino di miele, 1 bicchiere di latte, 10 chiodi di garofano.

Preparazione

Mettete in infusione 10 chiodi di garofano in un bicchiere di latte e lasciateli riposare un po’. Versate in una ciotola capiente zucchero, farina, cannella, e cacao. Mescolate tali ingredienti con una frusta.

Aggiungete poi le mandorle, la bacca di vaniglia, le due bustine di lievito per dolci e i chiodi di garofano. Unite tra loro tutti gli altri ingredienti: olio, uova, latte, miele, mosto cotto.

Mescolate il tutto per circa mezz’ora fino a quando non otterrete una miscela omogenea.

Accendete il forno e lasciate riscaldare ad una temperatura di 180°. Dividete l’impasto ottenuto in tante striscioline grandi quanto un dito anulare.

Lavorate una strisciolina alla volta dando ad ognuna la forma di un tarallo (ripetete ovviamente la medesima operazione per tutte le striscioline).

Schiacciate delicatamente ogni tarallo con il palmo delle mani.

Foderate una teglia con un po’ di carta da forno e posizionatevi i taralli.

Mettete in forno per un quarto d’ora. Sfornate e buon appetito!