Una lettura per il nuovo anno: “Con tutto l’amore che so” della 14enne pugliese Sara Ciafardoni

Una lettura per il nuovo anno: “Con tutto l’amore che so” della 14enne pugliese Sara Ciafardoni

8 Gennaio 2020 1 Di Cristiana Lenoci

Molti, tra i propositi del 2020, hanno inserito quello di dedicare più tempo alla lettura. Spesso mi sento rivolgere la domanda: “Quale libro hai letto di recente e ti è piaciuto così tanto da consigliarmelo?”. Di solito evito di rispondere: i libri sono scelte personali, e spesso optiamo per uno o per l’altro in base ad uno nostro intimo stato d’animo. Può capitare anche che, in libreria, un titolo in particolare ci colpisca perché sembra che stia parlando proprio a noi.

Stavolta invece un libro mi sento di consigliarlo, da inserire nelle proposte di lettura di questo anno appena cominciato. Si intitola “Con tutto l’amore che so”, edizioni Terra Santa.

Intanto, vi presento l’autrice. Angela Sara Ciafardoni ha 14 anni, ed è nata a Cerignola (Foggia). Questo è il suo primo romanzo. Anche se così giovane Sara è una scrittrice che sa arrivare al cuore di chi legge, con semplicità e chiarezza. Questa ragazzina pugliese ha una malattia rara che la costringe a letto dall’età di otto anni, ma grazie alla fervida immaginazione e alle sue grandi passioni (la lettura e scrivere) il mondo di Sara va ben oltre la sua cameretta.

Ed infatti con questo romanzo, che in parte è autobiografico, Sara è riuscita ad arrivare lontano, molto più lontano di quello che si aspettava. Ai “ragazzi speciali” come lei è dedicato questo libro, che racconta la vita di Sara/Sofi con grande delicatezza ma pure con determinazione e coraggio. Nel romanzo Sara parla dell’amicizia, della musica, delle emozioni che una ragazza della sua età prova descrivendole in un modo così profondo da toccare le corde più intime di ciascuno di noi.

Le parole di Sara rappresentano una lezione di vita anche per noi adulti, spesso troppo presi dalla vita frenetica per fermarci a riflettere. “Il dolore che incontriamo nel corso della vita, non è sconfitta, bensì un’occasione per tirare fuori le cose migliori che il Signore ci dona”, dice Sara a proposito della sua malattia che da anni la imprigiona ad un corpo.

A chi le ha chiesto cosa è la scrittura per lei, ha risposto: “In fondo cos’è la scrittura se non un’ àncora di salvezza? Mi ha salvato e continua a salvarmi nei momenti in cui lo stesso “mostro” mi debilita”.

Il libro di Sara veicola più di un messaggio a chi sarà in grado di coglierlo: è un inno alla vita, al godere di ciò che siamo e di ciò che abbiamo e di abbracciare e condividere bellezza con chiunque ci viva accanto. E’ la splendida lezione di vita di una 14enne che non ringrazieremo mai abbastanza.

Chiunque desideri può seguire Sara su Instagram (“lasarabooks”) e sul blog LaLettriceSognatrice.

Il libro è in vendita su Amazon e in distribuzione nelle principali librerie italiane.