Xolo, film indipendente girato in Puglia: la storia di Rosa tra western moderno e thriller

Xolo, film indipendente girato in Puglia: la storia di Rosa tra western moderno e thriller

12 Novembre 2019 0 Di Cristiana Lenoci

Da una storia realmente accaduta un film emozionante e ricco di suspense: “Xolo”, pellicola diretta e realizzata dal regista pugliese Giuseppe Valentino, è un susseguirsi di stati d’animo, turbamenti interiori, inseguimenti di persone e di anime alla ricerca di se stessi e di un altro posto nel mondo che non sia quello in cui vivono. Ci sono tutti gli elementi di un film western rivisitato in chiave moderna e di un thriller psicologico, al cui centro vi è una figura femminile controversa e contraddittoria, quella di Rosa.

Sullo sfondo una Puglia selvaggia, a tratti brulla ma di una bellezza struggente, che riprende i paesaggi tipici di un Sud d’Italia per certi versi ancora aggrappato ad una concezione della donna come “proprietà”.

Girato interamente nelle campagne pugliesi, questo film riesce a catapultare dentro lo spettatore trascinandolo in un vortice di emozioni, fino alla fine. Piana di Siponto, Tavoliere delle Puglie, Gargano, sono le splendide location pugliesi del lungometraggio.

TRAMA DEL FILM

Sud Italia. Rosa è una donna con un passato travagliato che vive in una roulotte in aperta campagna. Tutta la sua vita, tutto ciò che possiede lo deve al ricco Gino. L’uomo è un facoltoso proprietario terriero che possiede una stazione di servizio dove lavora la donna. Nathaniel è un giovane anche lui al servizio di Gino, viene dai Paesi Baschi e sbarca il lunario facendo lavoretti in giro per l’Italia. Quando Rosa e Nathaniel si incontreranno, tra i due nascerà un legame vivo e profondo, e per Rosa il giovane rappresenta quella spinta che aspettava da sempre verso una vita finalmente libera. I due decidono di scappare dopo aver derubato Gino di Xolo, un cane da combattimento che vale tanti soldi e che pare abbia ucciso un uomo.

Il commento del regista Giuseppe Valentino

“Xolo nasce dal desiderio di raccontare una storia accaduta ad una donna a me molto vicina. Ho scritto la sua vicenda mentre lei era in carcere per scontare la pena di omicidio.

Volevo esordire alla regia con Xolo e mi misi in giro per cercare i soldi per produrla. La storia non era poi tanto eclatante se consideriamo la cronaca nera dei nostri giorni, quello che mi interessava però era la possibilità di meditare sul concetto di libertà e indipendenza, temi che diventano più delicati se parliamo di una donna del sud Italia, destituita e sola.

La produzione del film è stata lunghissima, anche se i giorni di riprese effettivi ammontano a poco più di un mese. Xolo è una produzione totalmente indipendente e per questo ha richiesto molto tempo, ma sono convinto che per questo tipo di dinamiche Xolo non somiglia e nessun film italiano in circolazione, pur possedendo tratti inconfondibilmente italiani”.

 

Il Film “Xolo” ha partecipato a questi Festival, ottenendo importanti riconoscimenti:

Festival du Film Italien de Villerupt 2017: Compétition

Black Star Film Festival 2017 (Premio miglio attrice protagonista)

Santiago del Estero Film Festival 2017

WIIF Film Award 2017

BiF&st 2018: Seleziona Panorama

Tour Film Festival 2018 (1 premio miglior lungometraggio)

 

Dove vedere il Film “Xolo”

Ecco il Trailer del Film

“Xolo” è disponibile su Amazon Prime Video e Vimeo on Demand. Sono gradite recensioni e feed back.

 

BIO GIUSEPPE VALENTINO

Giuseppe Valentino è nato a Cerignola nel 1978. Compie gli studi nella città natale prima di trasferirsi a Bologna dove inizia le prime esperienze legate all’audiovisivo con realtà legate al DAMS della città emiliana. Lascia l’Italia per Zurigo dove vivrà per 9 anni lavorando come direttore della fotografia e regista di videoclip musicali nella fiorente scena Rock `n’ Roll della città lavorando con l’etichetta indipendente Voodoo Rhythm Records e realizzando tre video per gli Hillbilly Moon Explosion, uno di essi, “My love forevermore” colleziona più di 15 milioni di visualizzazioni e viene premiato come miglior video svizzero dell’anno. Nel 2006 si trasferisce a Città del Capo in Sud Africa per studiare inglese e Documentary Filmmaking con l’artista Madhi Phala vivendo e studiando in uno dei quartieri più pericolosi della città dove la realizzazione di documentari si inserisce direttamente nelle vicende legate alla realtà circostante. Ritorna in Italia dopo un breve periodo in Messico per ristabilirsi in Puglia dove realizza “Noi bruciamo gli Elefanti” un documentario indipendente presentato all’Annecy Film Festival in Francia.
 Lavora come direttore della fotografia freelance realizzando “Tre Titoli” di Nico Angiuli presentato alla Quadriennale di Roma nel 2016 e la campagna pubblicitaria per il marchio „Itineris“.

Sempre con l’artista visivo Nico Angiuli cura la direzione della fotografia del progetto vincitore del bando ‘Italian Council’ Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MIBAC., girando all’interno della Fondazione Pistoletto a Biella. Fonda la casa di produzione Ferula Film producendo un lungometraggio dal titolo Xolo, presentato al Black Star Film Festival vince il premio come miglior attrice e fa parte della sezione Orizzonti del ‘BiF&ST 2018’, sempre nel 2018 vince il premio come miglior film Italiano all’International Tour Film Festival. Viene presentato fra i film italiani al 40esimo Festival del Cinema Italiano di Villerupt in Francia nella competizione principale. Con Ferula Film ha prodotto ‘Senza Tempo’, un documentario attualmente in postproduzione in co-produzione con RaiCinema. Giuseppe Valentino vive in Puglia.

 

Annunci