Torre Alemanna protagonista nel Week end dei Musei

Torre Alemanna protagonista nel Week end dei Musei

21 Maggio 2019 0 Di Cristiana Lenoci

 Il weekend appena trascorso è stato caratterizzato dall’apertura straordinaria di musei in tutta Italia. L’iniziativa promossa dal Ministero per i Beni e le Attività culturali si è svolta in concomitanza con l’International Museum Day.

Il complesso di Torre Alemanna sito in Borgo Libertà-Cerignola ha ospitato una conferenza promossa dai Comuni di Cerignola, Ascoli Satriano e Ordona, insieme alla Cooperativa Frequenze, che gestisce la realtà storica e archeologica del territorio ofantino.

Presenti all’iniziativa l’Assessore alla Cultura di Cerignola Debora di Nauta, il sindaco di Ascoli Satriano Vincenzo Sarcone, l’Assessore alla Cultura di Ordona Francesco Pagano e gli operatori della Cooperativa Frequenze. Per promuovere l’attività sinergica dei tre comuni dauni è intervenuto anche il dott. Italo Muntoni della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio BAT e FG.

Durante la conferenza lo storico dell’arte e giornalista Furio Cappelli ha presentato il suo articolo “Viaggio nella Capitanata Federiciana”, presente nella rivista Medioevo. Dopo i saluti istituzionali e la presentazione dei partecipanti c’è stata la visita a cura dei ragazzi della stessa Cooperativa presso l’intero complesso, e all’annesso Antiquarium, che presenta un allestimento moderno e ben strutturato.

Domenica 19 Maggio i comuni di Ordona, l’antica Herdonia e di Ascoli Satriano hanno dato il via alle visite guidate presso i propri poli museali, custodi di una preziosa realtà archeologica locale. Queste iniziative hanno permesso a molti di conoscere in concreto realtà storiche e archeologiche locali, che grazie all’attività svolta da appassionati professionisti e cultori di arte sono state valorizzate e ancor più tutelate. Insomma, una buona occasione per permettere ai cittadini di toccare con mano il proprio patrimonio storico e artistico.

La Cooperativa Frequenze

Questa Cooperativa è una start up innovativa a vocazione sociale, costituita nel 2016 e che opera per lo sviluppo e la produzione di servizi ad alto valore tecnologico e sociale per il turismo attraverso la consulenza, la progettazione, l’implementazione e la gestione di eventi e di attività nei settori della Cultura e dell’accompagnamento al lavoro. Addetta alla gestione del Complesso Monumentale di Torre Alemanna, questa cooperativa promuove presso tale sito varie attività illustrative e ludiche. Per qualsiasi informazione o per svolgere una visita guidata si può contattare l’indirizzo di posta elettronica torrealemanna@frequenze.info, oppure il numero di telefono 392.9927977.

Che cos’è Torre Alemanna e dove si trova

Torre Alemanna è un complesso masseriale articolato in diversi corpi di fabbrica. Si estende per oltre 4500 mq dominando a sua volta il territorio nel cuore della borgata denominata Borgo Libertà, a ca. 20 km da Cerignola (FG): si possono evidenziare il nucleo centrale con il coro affrescato e la sovrastante torre (24×10 m), il Palazzo dell’Abate e i corpi perimetrali anticamente destinati a residenza e a stalle. Nel complesso vi è la chiesa cinquecentesca denominata già S. Maria Theotonicorum, poi S. Leonardo ed oggi Sacro Cuore. Il corpo a sud del complesso ha uno sviluppo longitudinale, originariamente destinato a Taverna e a Panetteria.

Nel corso dei lavori di restauro sono stati scoperti straordinari resti di un ciclo pittorico al piano terra della torre. Il ciclo pittorico è databile al XIII secolo e sono raffigurati finti velaria sovrastati da clipei intrecciati contenenti immagini di santi vescovi e sante vergini, sono rappresentati episodi tratti dalla Passione di Cristo e il Lignum vitae, l’albero della croce. L’intero ciclo pittorico è stato restaurato, tanto da lasciare in vista i graffiti in lingua germanica.

I piani superiori della torre (tre livelli) restituiscono l’originaria funzione di avvistamento sul vasto territorio circostante. Il loggiato settecentesco che permette l’accesso al Palazzo dell’Abate, presenta nel vano di ingresso un imponente camino decorato, con l’articolazione di altri ambienti in cui è stato deciso di allestire l’Antiquarium che ospita manufatti provenienti dagli scavi archeologici condotti presso Torre Alemanna.

Questo complesso si presenta come l’unico insediamento fortificato dell’Ordine dei Cavalieri Teutonici ancora esistente nell’area mediterranea. I vari manufatti come iscrizioni lapidee, emblemi teutonici e cardinalizi, la pavimentazione e i ritrovamenti archeologici raccontano la storia complessa di Torre Alemanna.

Nel corso della storia tale sito è stato amministrato da diverse realtà con Federico II di Svevia che dona ai Cavalieri dell’Ordine Teutonico alcuni terreni; dopo due secoli, nel 1483, l’amministrazione del feudo è stata concessa dai pontefici Sisto IV e Alessandro VI a cardinali commendatari. Nel 1865 è divenuto bene demaniale, mentre nell’ultimo dopoguerra l’insediamento di Torre Alemanna ha subito i maggiori danni causati dall’incuria.

Nel 1951 tale sito ha subito a sua volta delle trasformazioni in quanto l’Ente per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria di Puglia e Lucania ha fondato una nuova borgata. Dal 1983 Torre Alemanna è stata sottoposta a un regime di tutela, e nel 1987 il Comune di Cerignola ha intrapreso una lunga stagione di interventi di restauro che si sono conclusi nel 2008.

Articolo realizzato da Francesca Avello

Annunci